Santa Maria Annunziata

Annunciazione

L'Annunciazione di El Greco (1577-1580)

L'Annunciazione di El Greco (1577-1580)

Data 25 marzo
Avvenimento celebrato Annuncio della nascita di Gesù Cristo

L’Annunciazione è l’annuncio del concepimento verginale e della nascita verginale di Gesù che viene fatto a sua madre Maria (per il Vangelo secondo Luca) e a suo padre Giuseppe (per il Vangelo secondo Matteo) dall’arcangelo Gabriele.

La Chiesa cattolica e la Chiesa ortodossa celebrano questo evento il 25 marzo di ogni anno (solennità dell’Annunciazione del Signore).

Narrazioni evangeliche

L’Annunciazione è narrata con modalità differenti da LucaMatteo.

Vangelo secondo Luca:

« L’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te». A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come è possibile? Non conosco uomo». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto». E l’angelo partì da lei. » (Luca1,26-37)

Vangelo secondo Matteo:

« Ecco come avvenne la nascita di Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, che era giusto e non voleva ripudiarla, decise di licenziarla in segreto. Mentre però stava pensando a queste cose, ecco che gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa, perché quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo. Essa partorirà un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».Tutto questo avvenne perché si adempisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio che sarà chiamato Emmanuele, che significa Dio con noi. Destatosi dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa, la quale, senza che egli la conoscesse, partorì un figlio, che egli chiamò Gesù. » (Matteo 1,18-25)

Testi apocrifi

Anche l’apocrifo Protovangelo di Giacomo (metà II secolo) contiene una narrazione dell’annunciazione:

« [Maria] presa la brocca, uscì a attingere acqua. Ed ecco una voce che diceva: “Gioisci, piena di grazia, il Signore è con te, benedetta tu tra le donne”. Essa guardava intorno, a destra e a sinistra, donde venisse la voce. Tutta tremante se ne andò a casa, posò la brocca e, presa la porpora, si sedette sul suo scanno e filava. Ed ecco un angelo del Signore si presentò dinanzi a lei, dicendo: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia davanti al Padrone di tutte le cose, e concepirai per la sua parola”. Ma essa, all’udire ciò rimase perplessa, pensando: “Dovrò io concepire per opera del Signore Iddio vivente, e partorire poi come ogni donna partorisce?”. L’angelo del Signore, disse: “Non così, Maria! Ti coprirà, infatti, con la sua ombra, la potenza del Signore. Perciò l’essere santo che nascerà da te sarà chiamato Figlio dell’Altissimo. Gli imporrai il nome Gesù, poiché salverà il suo popolo dai suoi peccati”. Maria rispose: “Ecco l’ancella del Signore davanti a lui. Mi avvenga secondo la tua parola” »
(Protovangelo di Giacomo 11)

La versione del Protovangelo è ripresa dal successivo Vangelo dello Pseudo-Matteo (VIII-IX secolo) al c. 9 e da altri apocrifi.

Festa dell’Annunciazione

La data esatta in cui avvenne l’Annunciazione è ignota, come pure quella della nascita di Gesù. Poiché la dottrina cristiana fa coincidere l’Annunciazione con il momento del concepimentomiracoloso di Gesù, allora la sua data è fissata nove mesi esatti prima della sua nascita (Natale), ed ambedue le festività sono state poste in corrispondenza d’un momento rilevante dal punto di vista dell’astronomia del nostro pianeta: rispettivamente l’equinozio di primavera e il solstizio invernale.

Dal punto di vista liturgico, la ricorrenza dell’Annunciazione è una solennità.

La casa dell’Annunciazione

Una tradizione antichissima identifica la casa di Maria, in cui avvenne l’Annunciazione, con la grotta che oggi si trova nella cripta della Basilica dell’Annunciazione a Nazaret. La casa era costituita da una parte scavata nella roccia (la grotta) e una parte costruita in muratura. Quest’ultima rimase a Nazaret fino alla fine del XIII secolo, quindi venne trasferita prima a Tersatto (Trsat, Croazia) e dopo aLoreto, nelle Marche, in quanto la rioccupazione della Terrasanta da parte dei musulmani faceva temere per la sua conservazione.

Secondo la tradizione, essa fu miracolosamente portata in volo da alcuni angeli (perciò la Madonna di Loreto è venerata come patrona degli aviatori). Dai documenti dell’epoca risulta che in realtà il trasporto, avvenuto per nave tra il 1291 e il 1294, fu opera della famiglia Angeli Comneno, un ramo della famiglia imperiale bizantina. La Santa Casa, come essa è chiamata, si trova tuttora all’interno della Basilica di Loreto, ed è continuamente visitata da numerosi pellegrini.

Ultime da Facebook


  • Facebook Social Box


  • Newsletter

    Iscrivendosi resterete sempre aggiornati alla attività parrocchiali
  • RSS RSS Treinsieme.it

    • CAMPISCUOLA 2017
      ESTATE 2017 Nel verde della natura, nell’armonia del silenzio, nel gioco, nella gioia e nell’avventura ritornano anche quest’estate i campeggi per ragazzi dalla terza elementare fino alla quinta superiore - ♠ Campo superiori: dal 23 al 29 luglio a Valmorel ♣ Campo medie: dal 20 al 26 agosto a Valmorel ♦ Campo elementari: dal 27 agosto al 2 settembre AL MARE! […]
      © Giacomo Deola
    • ¿COSA TI MANCA PER ESSERE FELICE? – Simona Aztori
      Giornata per la Vita 2017 SABATO 4 FEBBRAIO 2017 al PALASPORT di SEDICO alle ore 20.30 VOLANTINO: Giornata per la Vita 2017 Questa è la domanda a cui vogliamo dare una risposta in occasione della giornata per la vita 2017. Domanda non poco banale che viene posta in prima battuta da Simona Aztori su se stessa. Simona … Read more →
      © Giacomo Deola
    • UN CALDO DICEMBRE… roe 2016
      EVENTI 4/12 ore 17.30 Arriva San Nicolò con un pensiero per tutti 7/12 ore 20.30 eROE x caso – divertimento e talento made in Roe 8/12 ore 15.00 Santa Messa Patronale – a seguire apertura presepio artistico e rinfresco 10/12 ore 20.30 Concerto: Madonna con bambino – concerto non solo di Natale  . Scarica il … Read more →
      © Giacomo Deola